DEBLOG

By LORENZO DE SIMONE

Una buona recensione dovrebbe intrattenere, convincere e informare,
fornendo un’opinione oggettiva e originale senza rivelare molto della trama del film.
1. Proponi una breve scheda di presentazione.
-“Alieni in soffitta”-
Titolo originale: Aliens in the Attic
Nazione: U.S.A.
Anno: 2009
Genere Avventura, Fantastico
Durata: 92′
Regia: John Schultz
Cast: Ashley Tisdale, Robert Hoffman, Doris Roberts, Kevin
Nealon, Tim Meadows, Andy Richter, J.K. Simmons, Gillian
Vigman, Austin Robert Butler, Ashley Boettcher

Distribuzione: 20th Century Fox

Trama: Il mondo è minacciato dall’invasione di una razza aliena, che, con armi che le permettono di controllare la mente, ha intenzione di controllare tutto il mondo.
I piccoli Tom e Jake, insieme ad altri loro amici, scoprono che queste armi hanno effetto solo sugli adulti. Capiranno, allora, che la salvezza del mondo e della specie umana dipende da loro e si daranno da fare…

2. Comincia con un fatto o un’opinione convincente.

Il tuo obiettivo è coinvolgere il lettore fin da subito.
Comunica a chi legge una chiara idea di ciò che pensi del film — buono, fantastico, terribile — e fai in modo che continui la lettura.
Ecco qualche esempio:
– Fai un paragone con un fatto di rilievo o un altro film:
• “Nella vita quotidiana capita spesso di vivere incomprensioni o momenti di tensione con i nostri familiari. Solo la condivisione, la fiducia reciproca e l’amore riescono a risolvere ogni tipo di problema”. Così accade ai personaggi di “Alieni in soffitta”.

• Come già affrontato attraverso la visione del film “…”, anche il film “Alieni in soffitta” offre spunti di riflessione relativamente al tema della famiglia, della fiducia e del rispetto reciproco.

– Vai concisamente e dritto al punto:

• “Nonostante il film sia in alcune scene poco verosimile, tuttavia “Alieni in soffitta” riesce a far emergere tematiche serie e profonde quali il rapporto con i propri cari e con il diverso”.

• “Nonostante il film affronti tematiche serie e profonde quali il rapporto con i propri cari e con il diverso, tuttavia “Alieni in soffitta” lascia troppo spazio a scene poco verosimili e troppo banali”.

3. Esprimi un’opinione chiara e sintetica nella prima parte
della tua recensione.
Non lasciare il lettore nel dubbio che il film ti sia piaciuto o meno.
Faglielo sapere nella prima parte di quanto scrivi e poi chiarisci nel resto del tuo testo il motivo della tua opinione. Ad esempio, puoi utilizzare un voto per esprimere il tuo pensiero e poi spiegare le tue ragioni.
• Fantastico: “Alieni in soffitta” è uno di quei rari casi in cui tutti gli elementi (ogni attore, scena, costumi e battute) propongono una storia che vale la pena rivedere”.
• Brutto: Indipendentemente da quanto ti possano piacere i film di fantascienza, con “Alieni in soffitta” si rischia di perdere tempo”
• Buono: “Anche se “Alieni in soffitta” è un film abbastanza piacevole non è un film perfetto. In generale, i momenti divertenti della storia riescono a tenere viva l’attenzione dello spettatore e a far riflettere sulle tematiche proposte”.

4. Spiega la tua opinione in maniera dettagliata.

A nessuno interessa la tua opinione se non sei in grado di motivarla.
• Fantastico: “Alieni in soffitta” è un film reso magnifico dalla simpatia dei personaggi, dalla storia proposta e dalla sceneggiatura.
Le serie tematiche sono trasmesse in maniera del tutto efficace e in alcuni momenti il film offre spunti di ilarità che contribuiscono ad avvicinare gli spettatori alla riflessione”
In particolare la scena …, a metà film, in cui … mostra come i due attori siano in grado di emozionare recitando con professionalità e coinvolgimento.”
• Brutto: “Il difetto più grave di “Alieni in soffitta” è il non aver saputo trasmettere in modo efficace le serie tematiche affrontate.
Inoltre, gli spunti di ilarità che in alcune scene il film offre allontanano gli spettatori dalla riflessione” .
• Buono: “In fin dei conti, “Alieni in soffitta”, che pure è un film interessante e di riflessione, non sempre riesce a entusiasmare completamente gli spettatori. Le serie tematiche proposte non sempre sono trasmesse in maniera efficace e in alcuni momenti prevalgono gli spunti di ilarità sulla proposta di riflessione”.

5. Vai oltre l’ovvia analisi della trama.

La trama è solo una parte del film e non dovresti basare la tua recensione semplicemente su quella. In alcuni film non è la cosa più importante, perché vi sono altri elementi su cui concentrarsi
(tecniche cinematografiche, tematiche, messaggi, …)
• Fotografia: “Alieni in soffitta” un mondo immerso nei colori, che riesce a creare e a scoprire piano piano gli affetti e l’amore tra i protagonisti, membri di una splendida famiglia. Ogni fotogramma sembra un dipinto in cui vale la pena farsi coinvolgere.”
• Musica ed effetti sonori: “La scelta di una colonna sonora creata appositamente per il film si è rivelata vincente. La melodiache accompagna le scene principali riesce a mantenere viva l’attenzione dello spettatore per tutta la durata del film”.
• Recitazione: “Sebbene sia fantastico ogni volta che appare in una scena d’azione, Carter Jenkins, usando principalmente la sua razionalità per contrastare gli alieni, non riesce a trasmettere una forte tensione nei momenti più concitati del film”.
6. Concludi.

Le conclusioni devono essere interessanti e avvincenti poiché sono la
parte finale del tuo articolo. Concludi la tua recensione con una chiusura a tutto tondo.
Ricorda: le persone leggono le recensioni per decidere se vale la pena
o meno guardare un determinato film.
Finisci il tuo scritto tornando magari alla tua opinione iniziale.
Concludi quindi con una frase chiara, breve ma esauriente (cioè che,
anche se breve, dice tutto).

CONSIGLI
A. Raccogli le informazioni di base sul film.
Puoi farlo prima o dopo averlo visto, ma certamente dovresti farlo
prima di scrivere la recensione, perché sono dati che devi includere
nel tuo articolo (Titolo, Regista, Attori principali, Genere, …)
B. Scrivi una nota ogni volta che qualcosa ti colpisce, in positivo o in
negativo. Può trattarsi dei costumi, del trucco, della scenografia o
della colonna sonora, dei dialoghi, delle immagini, ecc.
C. Analizza le dinamiche del film. Durante o dopo la visione, chiediti
che impressione ti ha lasciato in ognuno di questi aspetti:
Regia. Valuta come il regista ha deciso di presentare i fatti al pubblico.
Valuta se il film non includeva elementi secondo il tuo parere
necessari.
Se hai visto altri film dello stesso regista, comparali e determina qual
è il tuo preferito.

Fotografia. Quali tecniche sono state usate nel film? Quali elementi
della scenografia e dell’ambientazione hanno contribuito a creare una
certa atmosfera?
Sceneggiatura. Valuta il copione, inclusi i dialoghi e l’interpretazione.
La trama ti è sembrata originale e imprevedibile o noiosa e poco
interessante? I dialoghi dei personaggi sembravano credibili?
Montaggio. Il film procedeva scorrevolmente di scena in scena o
sembrava composto da più spezzoni?
Se nel film sono presenti effetti di computer grafica, valuta se
sembravano realistici o si distaccavano troppo dal resto delle
immagini.
Costumi. La scelta dei costumi era appropriata per lo stile del film?
Hanno contribuito a creare la giusta atmosfera?
Scenografia. Valuta se la scenografia ha aggiunto qualcosa al film o
distraeva dai dialoghi e dagli avvenimenti.
Se il film è stato girato su un set reale, la location è stata scelta bene?
Colonna sonora. Era appropriata per le scene? Risaltava troppo o
troppo poco? Creava tensione? Era divertente o irritante?
La colonna sonora può decidere le sorti di un film, soprattutto se le
canzoni hanno un messaggio o un significato particolare.
D. Guarda il film una seconda volta. È impossibile comprendere
completamente un film guardandolo una sola volta, soprattutto se ti
fermi a prendere degli appunti.
Guardalo almeno un’altra volta prima di scrivere la tua recensione.
Presta attenzione ai dettagli che potresti avere dimenticato durante la
prima visione.
Scegli altri aspetti su cui concentrarti; se hai preso molti appunti sulla
recitazione la prima volta, ora concentrati ad esempio sulla fotografia.
E. Sviluppa un testo originale su cui basare la tua analisi critica.
Infondi personalità al tuo elaborato. Puoi trattare la tua recensione

come un compito a scuola, ma è molto più interessante se dai un
tocco di personalità.
Se il tuo stile è solitamente spiritoso e divertente, la recensione non
dovrebbe essere un’eccezione.
Se sei serio e drammatico, va bene comunque. Fai in modo che il
linguaggio e lo stile riflettano la tua personalità e la tua prospettiva:
tutto ciò è sufficiente per intrattenere il lettore.
F. Ricorda sempre che anche se il film non ti è piaciuto, non significa
che sia brutto.
Un bravo critico aiuta chi legge a capire se il film può piacere agli
spettatori.
Se non hai gradito il film, non esagerare con i commenti negativi.
Devi essere sempre oggettivo e motivare le tue opinioni.

ATTENZIONE:
AL TERMINE DEL TUO LAVORO, rileggi, controlla e correggi eventuali
errori.
Assicurati che i nomi degli attori e i dati siano corretti.
Elimina errori di battitura, grammaticali e di ortografia.
Una recensione precisa è molto più professionale rispetto a una fitta
di errori.